Lettera di ottobre 2017

 

Carissimi,
                                    non so quanti di voi si sono accorti che la domenica 24 /9/ u.s. è stata voluta da Papa Francesco come “la domenica della Parola”. E’ suo desiderio infatti rilanciare la lettura e l’ascolto della Parola di Dio in ogni famiglia cristiana per dare il giusto valore  a quella che Soren Kierkegaard definiva “una lettera d’amore di Dio a noi”.
A dire il vero la nostra Comunità ha sempre collocato  la Parola di Dio  tra le priorità delle sue linee pastorali, ma cogliamo l’occasione ora per riaffermare ciò che era costitutivo nelle primitive comunità cristiane: “Essi ascoltavano  con assiduità l’insegnamento degli Apostoli” (Atti 2,42). “Gli Apostoli annunziavano con convinzione e con forza che il Signore Gesù era risuscitato. Dio li sosteneva con la sua grazia” (Atti 4,33).
Per tale circostanza è uscita Y BIBBIA (Y sta x young= giovane) la Bibbia di riferimento per tutti i ragazzi, compagna ideale  di strada per  i giovani.

Vi ho trovata una simpatica introduzione di Papa Francesco, che vi presento e sottoscrivo volentieri come lettera di questo mese:

Cari amici,  se vedeste la mia Bibbia, forse non vi farebbe una grande impressione: e questa sarebbe la Bibbia del Papa? Un vecchio libro tutto consumato! Potreste regalarmene una nuova, una da mille euro, ma non la vorrei. Amo la mia vecchia Bibbia, che mi accompagna da una vita. E’ stata testimone della mia gioia, ed è stata rigata dalle mie lacrime. Per me è un tesoro inestimabile. Vivo a partire da questa Bibbia. Non la darei via per nulla al mondo.
   La Bibbia per i giovani che avete in mano mi piace molto. E’ così colorata, così ricca di testimonianze. Viene voglia di iniziare a leggerla dalla prima pagina e di smettere all’ultima. E poi?... E poi la nascondete. Scompare sullo scaffale, in terza fila.  Prende polvere. I vostri figli un giorno la svenderanno al mercatino delle pulci. No, non può finire così!
   Voglio dirvi una cosa: oggi ci sono più cristiani perseguitati che all’epoca delle origini della Chiesa. E perché vengono perseguitati? Perché portano una croce e rendono testimonianza a Gesù. Vengono condannati perché posseggono una Bibbia. La Bibbia quindi è un libro estremamente pericoloso. Così pericoloso che in alcuni Paesi possederne una equivale a nascondere delle bombe a mano nell’armadio. Un non cristiano, il Mahatma Gandhi, una volta ha detto: “A voi cristiani è affidato un testo che ha in sé una quantità di dinamite sufficiente a far esplodere in mille pezzi la civiltà tutta intera, a mettere sottosopra il mondo e a portare la pace in un pianeta devastato dalla guerra. Lo trattate però come se fosse semplicemente un’opera letteraria, niente di più”.
   Quindi, che cosa tenete in mano? Un capolavoro della letteratura? Un paio di belle storie del passato? Allora si dovrebbe dire ai tanti cristiani che si sono fatti imprigionare e torturare per la Bibbia: “Ma come siete stati stupidi, è solo un capolavoro della letteratura!” No, attraverso la Parola di Dio la luce è giunta nel mondo. E non si spegnerà più. Nella Evangelii Gaudium (n. 175) ho detto: “Noi non cerchiamo brancolando nel buio, né dobbiamo attendere che Dio ci rivolga la parola, perché realmente Dio ha parlato, non è più il grande sconosciuto, ma ha mostrato se stesso. Accogliamo il sublime tesoro della Parola rivelata”.
   Quindi voi tenete in mano qualcosa di divino: un libro che brucia come il fuoco!!! Un libro attraverso cui Dio parla. E quindi ricordatevi: la Bibbia non esiste per essere messa sullo scaffale, ma essere presa in mano, per leggerla spesso, ogni giorno, da soli o in compagnia. Voi fate sport in compagnia, o andate a fare shopping in compagnia. Perché non leggete la Bibbia in due, in tre o quattro? Fuori, all’aperto, nel bosco, sulla spiaggia, di sera, a lume di candela…Farete un’esperienza travolgente! O avete paura di una figuraccia, se fate una proposta del genere?
   Leggetela  con attenzione! Non rimanete in superficie come fate con un fumetto! Non bisogna mai dare solo un’occhiata alla parola del Signore! Domandatevi: “Che cosa dice al mio cuore? Dio mi parla attraverso queste parole? Mi tocca nel profondo del mio desiderio? Che cosa devo fare?”. Solo in questo modo la Parola di Dio può diffondersi. Solo così la nostra vita può cambiare, può diventare grande e bella.
   Voglio dirvi come leggo la mia vecchia Bibbia. Spesso la prendo, la leggo un po’, poi la metto via e mi lascio guardare da Dio. Non sono io a guardare il Signore, ma LUI mi guarda. LUI è presente. Mi lascio osservare da LUI. E avverto - non è un sentimentalismo -  avverto profondamente quello che il Signore mi dice. Qualche volta non parla. Allora non sento niente, solo vuoto, vuoto, vuoto…Ma rimango paziente e attendo. Leggo e prego. Prego seduto, perché mi fa male inginocchiarmi. Qualche volta mi addormento pregando. Ma non fa niente. Sono come un figlio presso il Padre, e questo è l’importante.
   Volete farmi contento? Leggete la Bibbia!
                                                Il vostro Francesco

Farete contento anche me. Ma soprattutto beati sarete voi…

                                         Con affetto

don Beppe

Scarica la lettera in formato Word (download).


 

Domenica 22 Ottobre 2017

(XXIX Domenica del Tempo Ordinario)

 

Prima lettura (Is 45,1.4-6)

Dice il Signore del suo eletto, di Ciro:
«Io l’ho preso per la destra,
per abbattere davanti a lui le nazioni,
per sciogliere le cinture ai fianchi dei re,
per aprire davanti a lui i battenti delle porte
e nessun portone rimarrà chiuso.
Per amore di Giacobbe, mio servo,
e d’Israele, mio eletto,
io ti ho chiamato per nome,
ti ho dato un titolo, sebbene tu non mi conosca.
Io sono il Signore e non c’è alcun altro,
fuori di me non c’è dio;
ti renderò pronto all’azione, anche se tu non mi conosci,
perché sappiano dall’oriente e dall’occidente
che non c’è nulla fuori di me.
Io sono il Signore, non ce n’è altri».

Salmo responsoriale (Sal 95)

Grande è il Signore e degno di ogni lode.


Cantate al Signore un canto nuovo,
cantate al Signore, uomini di tutta la terra.
In mezzo alle genti narrate la sua gloria,
a tutti i popoli dite le sue meraviglie.

Grande è il Signore e degno di ogni lode,
terribile sopra tutti gli dèi.
Tutti gli dèi dei popoli sono un nulla,
il Signore invece ha fatto i cieli.

Date al Signore, o famiglie dei popoli,
date al Signore gloria e potenza,
date al Signore la gloria del suo nome.
Portate offerte ed entrate nei suoi atri.

Prostratevi al Signore nel suo atrio santo.
Tremi davanti a lui tutta la terra.
Dite tra le genti: «Il Signore regna!».
Egli giudica i popoli con rettitudine.

 


 

Seconda lettura (1Ts 1,1-5)

Paolo e Silvano e Timòteo alla Chiesa dei Tessalonicési che è in Dio Padre e nel Signore Gesù Cristo: a voi, grazia e pace.
Rendiamo sempre grazie a Dio per tutti voi, ricordandovi nelle nostre preghiere e tenendo continuamente presenti l’operosità della vostra fede, la fatica della vostra carità e la fermezza della vostra speranza nel Signore nostro Gesù Cristo, davanti a Dio e Padre nostro. 
Sappiamo bene, fratelli amati da Dio, che siete stati scelti da lui. Il nostro Vangelo, infatti, non si diffuse fra voi soltanto per mezzo della parola, ma anche con la potenza dello Spirito Santo e con profonda convinzione.

Canto al Vangelo (Fil 2,15-16)

Alleluia, alleluia.

Risplendete come astri nel mondo,
tenendo salda la parola di vita.

Alleluia.

 

 

Vangelo (Mt 22,15-21)

In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. 
Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». 
Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». 
Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

 


Scarica e leggi lo scritto più importante di san Vincenzo Ferreri...

sa

 

Nel suo “Trattato della vita spirituale” (download), scritto della maturità spirituale ed apostolica, indica così i gradi della vita spirituale: disprezzo delle cose terrene, silenzio, purezza di cuore, pace interiore come culmine dell’ascesi mistica. Mezzi per raggiungere la purezza del cuore sono: la negazione di sé, la mortificazione dell’amor proprio, l’umiltà nel sentire di sé davanti a Dio e agli uomini.

 

 

Segnalo questo interessantissimo sito sulla preghiera del cuore (o esicasmo), sui Padri del deserto e sulla meditazione cristiana profonda:

http://www.esicasmo.it

 

Segnalo questo sito che offre una vera e propria biblioteca digitale, con classici della spiritualità scaricabili gratuitamente per essere stampati o letti su tablet o su e-book:

http://www.teologiaspirituale.it/testi.html

Consiglio pastorale del 25 ottobre

Mercoledì 25 ottobre si terrà, aperto a tutti, nei locali di Borgo Mercato, un Consiglio Pastorale. Ecco il programma (download).

Anniversari di matrimonio

Per scoprirsi gradualmente, per fare delle scelte dopo un confronto reciproco, per non contraddirsi l’un l’altra nel rapportarsi con l’educazione dei figli, per dare segnali visibili di fusione dei cuori.
Senza correre, ma aspettandosi perché l’altro non prevalga, ma vigili sulla propria impazienza e superficialità.
Non prendendo le scorciatoie, rischiando così di lasciar dietro l’anima, che fatica più del corpo a crescere e maturare (download).

Programma parrocchiale per il mese di novembre

Ecco il ricco programma degli appuntamenti previsti per il mese di novembre (download).

Promemoria annuale

Tutti gli appuntamenti più importanti per la nostra Comunità previsti per quest'anno (download).

Programma parrocchiale per il mese di ottobre

Ecco il ricco programma degli appuntamenti previsti per il mese di ottobre (download).

Catechismo Elementari e gruppi medie

Ai genitori che scelgono di voler seguire da vicino e accompagnare il cammino di formazione cristiana dei propri figli (download).

Consiglio pastorale di giugno

Ecco il verbale del Consiglio Pastorale tenutosi il 21 giugno (download).

Crescere ed educare al distacco

Questo il titolo del minicampo per adulti e gruppi famiglia che si terrà a settembre nei giorni che vanno da venerdì 8 a domenica 10 settembre. Ecco l'invito con il programma (download).

La paura di pensare

Hanno omologato il tutto,
l'hanno chiamata unità.
Hanno zittito le coscienze, l’hanno chiamata ubbidienza (download).

Chi era San Vincenzo Ferreri

La sua presenza ovunque, la sua predicazione tagliente e incisiva e la sua testimonianza di uomo di grande fede e preghiera hanno avuto sempre come scopo principale l’annuncio della misericordia di Dio: quel Dio che va temuto per il suo giudizio, ma che sovrabbonda in misericordia (download).

Discorso del Papa sul mondo del lavoro

Discorso del Santo Padre Francesco sul mondo del lavoro in occasione della visita pastorale a Torino (download).

Lettera Enciclica "Laudato si'"

La Lettera Enciclica "Laudato si'" del Santo Padre Francesco sulla cura della casa comune, in versione integrale (download).

 

 

 

 

 

© 2008-2017 Parrocchia di San Vincenzo Ferreri.
Tutti i diritti riservati.
Via Juglaris 5

10024 Moncalieri (To)